L'acne: inizio e cause della patologia - Medeste | Health & Beauty
L'acne è una malattia infiammatoria della pelle e interessa maggiormente gli adoloscenti. Imparare a conoscerla è il primo passo per curarla correttamente.
acne, patologia della pelle, malattia infiammatoria, follicolo pilifero, ghiandola sebacea, sebo, attività ormonale, predisposizione genetica, comedoni, cellule cornee, dermatologo, dermatologia, terapia dermatologica
601
post-template-default,single,single-post,postid-601,single-format-standard,qode-listing-1.0.1,qode-social-login-1.0,qode-news-1.0.2,qode-quick-links-1.0,qode-restaurant-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-13.0,qode-theme-bridge,bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.4,vc_responsive
 

L’acne: inizio e cause della patologia

L’acne: inizio e cause della patologia

Vera e propria patologia infiammatoria della pelle, l’acne è una malattia che interessa sia il follicolo pilifero sia la ghiandola sebacea ad esso collegata. Maggiormente diffusa negli adolescenti (acne volgare), la presenza di acne si riscontra anche in soggetti adulti (acne tardiva) specialmente in quelli di sesso femminile.

Quali sono le cause che la provocano?

I fattori, che causano la manifestazione di questa patologia, sono molteplici e di differente natura: cause genetiche, ormonali, cosmetologiche, ambientali e dovute a farmaci. Essenzialmente, la predisposizione genetica ha un ruolo davvero preminente ma molto si deve anche allo stato ormonale del soggetto. Difatti la produzione di sebo, la sostanza oleosa prodotta dalla ghiandola sebacea, dipende sia dalla predisposizione genetica sia dall’attività ormonale. I follicoli piliferi risultano ostruiti sì dal sebo ma anche dall’aumento delle cellule cornee dovuto ad un particolare gruppo di ormoni, gli androgeni.

Quali conseguenze comparta?

L’acne è una malattia della pelle ma, dato che si manifesta durante particolari periodi della crescita alterando l’aspetto estetico del viso, può anche determinare conseguenze di carattere psicologico come ansia, stress e depressione.

Come curarla?

Ricordando che è decisamente sconsigliato e deleterio schiacciare i brufoli e i comedoni (punti bianchi e punti neri) o ricorrere ai classici rimedi casalinghi (bicarbonato e dentifricio), è necessario detergere le zone interessate dall’acne con appositi detergenti almeno due volte al giorno. In ogni caso, è altrettanto necessario recarsi da un dermatologo e richiedere una terapia specialistica appropriata.