Il melanoma: fattori di rischio e prevenzione - Medeste | Health & Beauty
Il melanoma è la malattia più grave della cuta umana. È necessario controllare preventivamente la pelle e i nei, prima e dopo l'estate.
melanoma, neo, cute, cura della pelle, prevenzione, ustione solare, estate, controllo nei, mappatura nei, lesioni cutanee, lesioni benigne
608
post-template-default,single,single-post,postid-608,single-format-standard,qode-listing-1.0.1,qode-social-login-1.0,qode-news-1.0.2,qode-quick-links-1.0,qode-restaurant-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-13.0,qode-theme-bridge,bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.4,vc_responsive
 

Il melanoma: fattori di rischio e prevenzione

Il melanoma: fattori di rischio e prevenzione

Il melanoma: fattori di rischio e prevenzione

Il melanoma è il tumore maligno più aggressivo che possa interessare la cute umana. L’origine della malattia è legata indissolubilmente ai melanociti, le cellule responsabili della melanina, ossia del pigmento che dona la colorazione scura alla pelle dopo essere stata esposta al Sole.

Fattori di rischio

La malattia può verificarsi durante il regolare corso della vita e può riguardare tutte le persone. I fattori, che determinano il rischio di contrarre il melanoma, possono essere: la predisposizione familiare, il fototipo basso, l’esposizione solare scorretta, le ustioni solari e l’elevato numero di nei. Generalmente lesioni benigne e non pericolose, i nei devono essere monitorati costantemente perché il melanoma potrebbe celarsi proprio tra di essi.

Prevenzione

Durante l’anno, è necessario non dimenticarsi della salute della propria pelle ed effettuare controlli preventivi prima e dopo la fine della stagione estiva. Infatti, i controlli specialistici devono essere realizzati quando la pelle non è abbronzata, al fine di esaminare attentamente la cute e i nei presenti su di essa. Ogni persona deve interessarsi della salute dei propri nei e averne cura sottoponendosi a visite dermatologiche preventive mirate, eseguendo una corretta esposizione al sole e utilizzando le protezioni adatte alla propria cute. Grazie alle visite specialistiche, il paziente conoscerà il metodo A-B-C-D-E, che riguarda i seguenti parametri:

  • Asimmetria: in genere il melanoma è di forma irregolare e asimmetrica, i nei benigni sono molto simmetrici
  • Bordi: il melanoma ha confini irregolari, i nei hanno confini più regolari
  • Colore: la presenza di più sfumature di colore può segnalare il pericolo di melanoma
  • Dimensione: solitamente il melanoma è superiore ai 6 mm di diametro.
  • Evoluzione: se si riscontrano anomalie di qualsiasi genere è necessario rivolgersi al medico quanto prima

Inoltre, il dermatologo può visitare il paziente effettuando un controllo con la videodermatoscopia, moderna tecnica di osservazione non invasiva. Ricorrendo a questo nuovo metodo, il dermatologo osserva le lesioni cutanee ad alto ingrandimento, acquisendo e memorizzando le immagini. Così, lo specialista realizza una mappatura dei nei ed è in grado di controllare, nel corso del tempo, lo stato delle lesioni attraverso il confronto delle immagini acquisite.