Iperidrosi: tipologie e terapie - Medeste | Health & Beauty
L'iperidrosi è un'eccessiva produzione di sudore e può essere provovata da fattori ambientali e emotivi
iperidrosi, sudorazione, eccessiva sudorazione, ascelle, mani, piedi, inguine, sudore, bromidrosi
15871
post-template-default,single,single-post,postid-15871,single-format-standard,qode-listing-1.0.1,qode-social-login-1.0,qode-news-1.0.2,qode-quick-links-1.0,qode-restaurant-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-13.0,qode-theme-bridge,bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.4,vc_responsive
 

Iperidrosi: tipologie e terapie

iperidrosi

Iperidrosi: tipologie e terapie

Quando si parla di sudorazione fanno capolino nelle menti delle persone immagini a dir poco sgradevoli e imbarazzanti. Di fatti, essa è un fenomeno fisiologico della cute molto importante, utile per regolare la temperatura del corpo; inoltre la sudorazione è caratterizzata dall’emanazione di sudore, liquido trasparente, composto da acqua, proteine, grassi e sali minerali, prodotto dalle ghiandole sudoripare. Quali sono i fattori che provocano la sudorazione? Tra questi si annoverano la tensione emotiva, lo sforzo fisico, le alte temperature ed anche una determinata predisposizione individuale; difatti in alcuni soggetti si può verificare una produzione eccessiva di sudore e, in questo caso, si parla di iperidrosi.

 

Le tipologie di iperidrosi

È possibile distinguere due tipologie di iperidrosi: iperidrosi primaria e secondaria. Oltre ad essere la forma più diffusa, la prima ha natura ereditaria e si caratterizza per manifestazioni diurne localizzate maggiormente su mani, piedi, ascelle e inguine. La seconda interessa tutto il corpo ed è dovuta ad alcune condizioni particolari come obesità, ipertiroidismo, febbre, menopausa e diabete. Inoltre, nei pazienti, affetti da iperidrosi, si può manifestare la bromidrosi, ossia il cattivo odore dovuto alla sudorazione, provocata dalla presenza eccessiva di popolazione batteriche nelle aree interessate dalla stessa sudorazione.

 

Terapie

Per contrastare sia l’iperidrosi sia la bromidrosi si possono utilizzare determinati deodoranti (coprono o elimino l’odore sgradevole dovuto dalla sudorazione) e antitraspiranti (riducono o bloccano la secrezione di sudore). Si consiglia sempre di sottoporsi a visita dermatologica e prendere in considerazione anche il ricorso alla tossina botulinica che, iniettata mediante aghi sottilissimi nelle aree cutanee interessate, determina una temporanea paralisi delle terminazioni nervose e quindi la conseguente inibizione della sudorazione. Quest’ultima soluzione deve essere eseguita da un medico specializzato ed è molto efficace.