"Da gennaio mi rimetto in forma!", ma quante insidie dietro questa frase?
16538
post-template-default,single,single-post,postid-16538,single-format-standard,qode-listing-1.0.1,qode-social-login-1.0,qode-news-1.0.2,qode-quick-links-1.0,qode-restaurant-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-theme-ver-13.0,qode-theme-bridge,bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.4,vc_responsive
Donna-alimentazione-dieta-feste-sano-forma-mangiare

“Da gennaio mi rimetto in forma!”, ma quante insidie dietro questa frase?

Da gennaio mi rimetto in forma!“. Se esistesse una classifica dei buoni propositi per il nuovo anno, questa frase probabilmente sarebbe in testa.

Se per tradizione popolare “l’Epifania tutte le feste porta via”, resta comunque qualcosa che la simpatica Befana, in sella alla sua scopa, non riesce a portarsi via: i chili di troppo accumulati grazie alle generose e numerose ‘abbuffate’ natalizie. Anche per voi è stato quasi impossibile resistere a dolci, scacciate, panettoni e leccornie varie? Beh, non siete i soli…

Anche il 2019, dunque, si è aperto con i soliti “buoni propositi”: “Da gennaio a dieta!” oppure “da gennaio digiuno”. Ecco, non c’è errore peggiore da fare: digiunare. Il digiuno, infatti, non fa dimagrire ed è pure pericoloso per la salute. “Digiunare non solo non serve a niente – ha affermato la dott.ssa Rosaria Cannavò, nutrizionista di Medeste Health&Beautyma è anche dannoso perché va a peggiorare l’assetto ormonale incidendo sull’insulina. Questo atteggiamento, così, porterà ad avere più fame rispetto a quanta ne avremmo con un giusto equilibrio nei pasti, come dovremmo fare di consueto. Inoltre – continua la dott.ssa Cannavò – il digiuno attiva un meccanismo di autodifesa da parte del nostro cervello che, in allarme da possibile carestia, decide di trattenere tutto il cibo dei pochi pasti consumati per tutelarsi da altri possibili digiuni, accumulando adipe“.

Rimettersi in forma dopo le feste

 

Il consiglio, dunque, è di mangiare regolarmente, ma consumando cibi a basso contenuto calorico, possibilmente di stagione, antiossidanti, ricchi di vitamine e depurativi. Qualche esempio? Mele, pere, kiwi, carciofi, broccoli, lattuga e finocchi. Inoltre, è sempre meglio preferire alimenti a basso indice glicemico, come cereali integrali, farro, riso, quinoa e miglio. Fibre e proteine, infine, aiutano a sentirsi sazi più a lungo e quindi ed evitare gli attacchi di fame perché tengono a bada l’insulina, conosciuta come “l’ormone della fame”.

 

alimentazione-cibo-sano-frutta-verdura-dieta

 

Le regole dell’OMS

 

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha dettato le cinque regole fondamentali per un’alimentazione sana ed in grado di garantire una vita migliore e lontana da malattie come diabete, obesità e malattie cardiache.

  1. Avere un’alimentazione varia e bilanciata.
  2. Ridurre il consumo di sale.
  3. Ridurre i grassi saturi e trans.
  4. Ridurre gli zuccheri.
  5. Evitare il consumo di alcol.

Regole banali? Potrebbero sembrare tali, ma proprio per questo spesso vengono sottovalutate. Ad esempio, si stima che gran parte della popolazione consumi il doppio della dose giornaliera di sale raccomandata e che numeri simili si abbiano anche per lo zucchero.

Rischi e insidie del “fai da te”

 

Il 50% delle donne e il 60% delle adolescenti praticano, soprattutto dopo le feste, la “dieta fai da te“. Una scelta ben precisa, ma rischiosa perché la determinazione di perdere peso, unita ad una scarsa conoscenza della materia, nascondono insidie che a lungo andare possono pregiudicare la salute, il metabolismo e quindi le ‘performances’ (sia sportive che lavorative).

Alcuni rischi del “fai da te”?

  • Sottoporsi a diete monotematiche (che portano, poi, a squilibri dal punto di vista nutritivo).
  • Eliminare del tutto i carboidrati (che, però, servono al nostro organismo).
  • Saltare i pasti (obbligando il metabolismo ad andare in riserva, ingrassando alla minima caloria introdotta).
  • Mangiare solo frutta e verdura (quando invece il segreto di una sana alimentazione è la varietà).
  • Eliminare la carne (sbagliato, ne abbiamo bisogno).

Ecco che, dunque, affidarsi ad un esperto prima di intraprendere un percorso nutritivo mirato al dimagrimento (ma non solo, non è questo l’unico possibile obiettivo di un piano nutritivo), diventa necessario e consigliabile. Anche perché sono diversi i fattori che influenzano e determinano la creazione di un piano nutritivo “personalizzato”: età, sesso, peso, tipologia di lavoro, tipo di sport praticato (se lo si pratica).

Da Medeste Health&Beauty il primo consulto con la dott.ssa Rosaria Cannavò è GRATUITO.

Lo si può prenotare chiamando tutti i giorni (dalle 08.00 alle 20.00) al centralino: +39 342 394 7009.

Medeste Health&Beauty si trova a Catania, in V.le Odorico da Pordenone 25. (Qui la nostra pagina Facebook).

Potrebbe anche interessarti: “Criolipolisi: come perdere il grasso in eccesso senza ricorrere alla chirurgia”.